CHI SIAMO

Chi siamo

Sono la Marianna, Io sono la sinistra riformista, o forse sono la destra storica, o forse sono semplicemente voce, essenza, pensiero del popolo che lavora e che soffre. Io, così presuntuosa da illudermi di sapere da dove vengo, chi sono e dove vado, ho in testa la Convenzione: io sono La Marianna, la ragazza che è il simbolo dei Lumi, di una luce necessaria a un Paese malinconico, in penombra.

 

Certo, io sono anche il tentativo di riunire i radicali. Coloro che hanno scritto le pagine più belle della politica italiana – dal divorzio all’assoluzione di Enzo Tortora, dal no al finanziamento pubblico dei partiti a Leonardo Sciascia parlamentare della Repubblica – e che hanno rappresentato un cambiamento, un’Italia bella, sorridente, europea, diversa da quella di oggi. Una storia che deve continuare e che per poterlo fare ha necessità di ben altri e tanti altri, senza i quali io Marianna non sarò. Altri chi? Tanti laici, tanti homeless della politica che non trovano casa ma sentono dentro di sé una grande voglia di impegno civile, tanti liberali, tanti socialisti. Donne e uomini che hanno fame di politica, che non accettano più una realtà italiana dove la politica è stata ridotta a roba da tribunale o a corrida da talk show.

 

Per fare cosa, insieme? Non per rifare una tribù, un partitino, una sigla. L’ambizione può apparire smisurata, ma è così. Più guardo questo Paese, più assisto al suo declino e più cresce la consapevolezza che adesso o mai più. Io voglio ricostruire questo Paese, voglio aiutarlo a rialzarsi. Oltre a queste storie politiche che si rincontrano, oltre a un’identità civile che appartiene alla storia italiana, io voglio soprattutto essere ciò che faccio. Ciò che occorre esigere, qui e subito. Quindi poche e ben definite proposte politiche.